menu

David Lindberg

Nel tardo settecento, proprio nel momento in cui si stava creando una marcata divisione fra le belle arti e le arti applicate, l’arte ‘alta’ si stava concedendo all’impulso femminile: alla delicatezza, al sentimento e, forse sorprendentemente, ad una praticità quasi domestica nel suo approccio ai materiali. Le belle arti, infatti, avevano assorbito le arti applicate. E questa rimane una delle grandi, anche se sottovalutate, conquiste della modernità. I materiali, per esempio, avevano acquisito un valore nuovo, sia in se stessi sia nei loro rimandi ed allusioni.
Questa forse potrebbe sembrare la ricetta per la semplicità, se non addirittura per la noia. Ma cosa succede nel lavoro di David Lindberg? Complessità su complessità, e tutto tranne la noia. Le sue opere, per esempio, spesso sembrano impregnate di materiali trasparenti come se l’artista volesse fissare la loro complessità e permetterci di analizzarle come insetti intrappolati nell’ambra.
Ma questa è una trasparenza traditrice perché è in se stessa parte della complessità delle opere. La collocazione e contrapposizione dei materiali è molto precisa e calcolata sebbene questo sia il tipo di calcolo che nasce dalla creazione del lavoro e come risultato del procedimento stesso, non di qualche progettazione dogmatica che non lascia spazio agli imprevisti. E la trasparenza si sfuma e si mescola con tutto ciò per iniziare un gioco molto ambiguo. Da una parte è calma e distaccata; dall’altra le opere sono innegabilmente allettanti e seducenti, quasi sessuali, ed anche quest’aspetto è il risultato delle trasparenze. Ed è proprio qui che la trasparenza rivela il suo tradimento o, meglio, il suo doppio gioco: perché sembra non tanto applicata alle opere quanto traspirata da loro. Il risultato è che materiali come fibra di vetro o la resina di epossi diventano naturali ed organici, e le opere diventano quasi spaventosamente vive. (vedi biografia)

OPERE A PARETE

Untitled – 2007
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
122 x 201,5
zoom

Pot of flowers W/TV Installed – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
124 x 204 cm
zoom

Possible Effects – 2008
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
100 x 100 cm
zoom

Untitled – 2007
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
100 x 100 cm
zoom

Untitled – 2007
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
123 x 204 cm
zoom

When Internet Companies moves out – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, pigmenti
116 x 100 x 12 cm
zoom

2010 FINANCIAL ANALYSIS WORKSHEET – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, pigmenti su legno
43 x 36 x 4 cm
zoom

IS REPAIRED – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, pigmenti
50 x 30 x 6,5 cm
zoom

Unabstract – 2008
resina epossidica, fibra di vetro, pigmenti e specchi
80 x 53 x 30 cm
zoom

Hotmail account download – 2009
resina epossidica, carta, pigmenti
74 x 107 x 15 cm
zoom

Personal budget – 2006
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
100,5 x 100,5 x 4,5 cm
zoom

Sandy – 2010
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
100,5 x 100,5 x 5 cm
zoom

Little cloud – 2006
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
100,5 x 100,5 x 4,5 cm
zoom

Untitled 3 – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, gommapiuma, pigmenti
125 x 205 cm
zoom

Reflecting Tube – 2006
Resina epossidica UV, specchio e pigmenti
18 x 18 x 50 cm
zoom

SCULTURE

Organizer – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, materiali vari, pigmenti
108 x 90 x 85 cm
zoom

On the Other Hand – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, materiali vari, pigmenti
11 x 96 x 130 cm
zoom

Storage Rack – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, materiali vari, pigmenti
60 x 100 x 68 cm
zoom

350.000 B.C. – 2009
resina epossidica, fibra di vetro, pigmenti
71 x 60 x 74 cm
zoom

INSTALLAZIONI

Installation view,
Studio la Città, Verona - 2005
zoom

Installation view,
Studio la Città, Verona - 2009
zoom

Installation view,
Galleria Traghetto, Roma - 2009
zoom

Installation view,
Galleria Alquindici, Piacenza - 2010
zoom

CATALOGHI

©2002-2014 Studio La Città
Tutti i diritti sul materiale contenuto in questo sito sono riservati